Dip.ant.91 - Romano Ischia | Galleria d'Arte e Antiquariato - Trento

Vai ai contenuti

Menu principale:

GALLERIA > Dipinti
Luca Cambiaso
(Moneglia 1527 - Madrid El Escorial 1585)
bottega di

seconda metà XVI secolo
olio su tela

Misure (cm): 72 x 102


Questa affascinante tela del Cinquecento colpisce subito per la splendida cromia e per la luminosità delle figure in primo piano, accentuata da un magistrale effetto chiaroscurale e dalla zona in ombra della parte destra che fa intravedere un seminascosto san Giuseppe.

La tipologia compositiva e lo stile del dipinto indirizzano la ricerca attributiva al pittore genovese Luca Cambiaso (Moneglia, 1527 - Madrid, 1585) o alla sua bottega.

Il dipinto, raffigurante una Sacra Famiglia in adorazione del bambino con Santa Caterina, è opera assai tipica di Cambiaso. Il soggetto è tra i più frequentati dall’artista, che ne ha fornito molteplici varianti, evidentemente sollecitato da una committenza che apprezzava la dolce e serena atmosfera che il mestro sapeva infondere alla scena.

La sua pittura, come ben emerge dalla nostra opera, risente di una molteplicità di influssi;  formatosi in ambito manierista seguendo gli esempi dei più grandi del tempo, seppe porre le basi per far vivere a Genova la sua più feconda stagione artistica. Nei suoi soggetti emergono inotre le delicate immagini e il colorismo veneto.

Gli incarnati toccati da una luminosità diafana appartengono alla fase matura della sua produzione, che denota anche un’evidente volontà di rinnovare la propria ricercatezza espressiva.

La tela viene proposta sprovvista di cornice. A discrezione del futuro acquirente saremo lieti di provvedere a trovarne una adatta (nei dettagli è possibile vedere l'opera con una cornice di esempio).

Il dipinto viene venduto corredato di certificato di autenticità.

art.dip.ant.91


Per qualsiasi informazioni sul presente oggetto,
non esitate a contattarci telefonicamente a 0461-564830 o 348-7225327
oppure compilate la seguente mail

Richiedi informazioni oggetto


Stampa

Ultimo aggiornamento 21/11/17 - Copyright ©2017 Antichità Ischia Romano
Torna ai contenuti | Torna al menu