Dip.ant.47 - Romano Ischia | Galleria d'Arte e Antiquariato - Trento

Vai ai contenuti

Menu principale:

GALLERIA > Dipinti

Dettagli

Bottega di Francesco Solimena 

(Canale di Serino 1657 – Napoli 1747)

Mosè salvato dalle acque

scuola napoletana del sec. XVIII


olio su tela, con cornice in legno dorato ed intagliato d'epoca

Dimensioni (cm): 65 x 54
con cornice 82 x 95

Di grandissima qualità pittorica questo dipinto ad olio su tela, raffigurante Mosè salvato dalle acque, che in seguito ad approfondite analisi e comparazioni possiamo ricondurre alla mano di un artista operante nella bottega del napoletano Francesco Solimena (Canale di Serino 1657 - Napoli 1747). Grande figura di artista della scuola napoletana, operante a cavallo tra Seicento e Settecento, Solimena ha posto le basi con la sua attività per un nuovo linguaggio su cui si moduleranno i pittori del XVIII secolo, ed ha esercitato, senza quasi mai lasciare Napoli, una notevole influenza su tutta la pittura europea. Nella sua ricercatissima bottega si sono alternate varie generazioni di allievi, che ricopiarono e divulgarono dappertutto le sue complesse creazioni enfatiche, accese di colori e di luci, dove si affollano vivacissimi episodi e figure.
Tali opere, spesso eseguite con la sua supervisione e parziale collaborazione, se frutto degli allievi più bravi, sono spesso confuse con tele del maestro e viceversa.

L'opera proposta rappresenta il momento in cui alla figlia del Faraone, qui protagonista della composizione, viene presentato il neonato restituito in un cesta dalle acque del Nilo; Il suo volto, dolce e bellissimo, è atteggiato a malinconica effusione, pur nella posa altezzosa di una giovane d’alto rango che si commuove alla vista del piccolo Mosè. La scena, che utilizza dei costumi moderni, viene esaltata un eccezionale fasto ed opulenza nelle vesti e nei dettagli descrittivi. 
Intorno alla protagonista si dispiega poi una sorta di corte composta da personaggi dagli atteggiamenti piú vari. C’è la vecchia governante dal volto adunco che sembra far desistere la principessa, c’è l'ancella che attende i suoi ordini, e poi c’è Miriam, con il volto supplichevole e speranzosa per le sorti del fratello.
L'autore sviluppa la sua scena su uno spazio complesso e articolato, il cui ambito viene idealmente diviso dalla diagonale della tela; la zona del dipinto in cui è ambientata la scena animata, affollatissima, viene quindi equilibrata, in alto, dalla magnifica apertura paesaggistica, un quinta di alberi e di colonne, dove, come in un gioco di contrasti, emerge solamente l'aspetto naturalistico.

Come accade in numerose opere del Solimena, anche nella nostra tela si rileva la ricerca di un delicato equilibrio tra la forza della tradizione e le sollecitazioni innovatrici di una cultura figurativa più moderna dove la composizione viene scandita con un forte senso plastico e chiaroscurale. 
La nostra tela ne esalta l'eleganza formale, senza trascurare l’aspetto cromatico, molto ricercato nella scelta tonale dai giallo bruni agli ocra intensi, con richiami rosso cangianti di forte impatto visivo.

Il dipinto si presenta in ottimo stato di conservazione, senza cadute di colore, supportato da un reintelo eseguito professionalmente nel secolo scorso.

Il dipinto, come ogni nostro oggetto, viene venduto corredato di certificato di autenticità.


art.dip.ant.47


Per qualsiasi informazioni sul presente oggetto,
non esitate a contattarci telefonicamente a 0461-564830 o 348-7225327
oppure compilate la seguente mail

Richiedi informazioni oggetto


Stampa

Ultimo aggiornamento 23/09/17 - Copyright ©2017 Antichità Ischia Romano
Torna ai contenuti | Torna al menu